Lavaggio parrucche capelli naturali:

il segreto per mantenerli sempre belli. Lavaggio parrucche capelli naturali ecco le istruzioni corrette. In più di trent’anni di lavoro abbiamo assistito a veri e propri disastri causati da lavaggi frettolosi o tecnicamente errati. L’equivoco è generalmente figlio di spiegazioni imprecise o di tecniche auto didatte maldestre. Stabilito fin da subito che lavare una protesi totale/parrucca di capelli veri è veramente semplice a patto che, si evitino alcune ingenuità che qui sotto elencheremo. 1. Mai mettere in ammollo in bacinella 2. mai massaggiare il capello con le mani durante lo shampoo 3. mai tenerla umida in testa per dormire 4. non usare pettini a denti stretti Lavaggio parrucche capelli naturali: il perché di non massaggiare o mai mettere in ammollo il capello vero. Immergere una parrucca/protesi di capelli naturali realizzata ad uncinetto o con tessiture a macchina è deleterio e potrebbe creare tre grossi problemi: • sciogliere il nodo di ancoraggio • aggrovigliare il capello • far rientrare lo stelo all’interno della calotta La spinta e compressione dell’acqua funge un po’ da massaggio, spingendo a far ritirare le punte del capello verso le radici. Il nodo stesso si viene compresso e spinto verso l’interno della calotta, facendo fuori uscire i capelli in senso contrario alla lavorazione. Inoltre il cappio creato per ancorare il capello alla calotta, si allenta sfilandosi così dalla base. Il rischio peggiore è che i capelli si possano irrimediabilmente aggrovigliare. Lo stelo infatti possiede delle squame le quali venendo a contatto le une con le altre, si potrebbero facilmente annodare, creando un effetto “rasta”. Lo stesso disagio avverrebbe qualora si decidesse di lavare la parrucca di capelli naturali massaggiandola con le dita. Infatti i movimenti circolatori dei polpastrelli farebbero incrociare la squame.